Confermata la nascita di un terzo bambino geneticamente modificato


    Il dott. HE JIANKUI è stato condannato a 3 anni di carcere per aver “creato”, in maniera illegale, i primi esseri umani modificati geneticamente con tecnica CRISPR. Sale a 3 il numero di neonati geneticamente modificati dal dott Jiankui.

     

    Lunedì 30 dicembre 2019, l'agenzia di stampa statale cinese Xinhua ha annunciato che il dott. He Jiankui, il ricercatore responsabile della “creazione” dei primi bambini al mondo modificati geneticamente è stato multato per 3 milioni di yuan (circa 385000 euro) ed è stato condannato da un tribunale della città di Shenzhen a scontare una pena di tre anni di carcere per pratica medica illegale.

    Editing genetico degli embrioni umani. Ricercatori cinesi hanno utilizzato la tecnica CRISPR/Cas9 per riparare le mutazioni che provocano le malattie in embrioni umani vitali. KOYA79/ISTOCKPHOTO
    La condanna dei controversi esperimenti da parte del governo cinese

    Considerato che la Cina ha condannato la ricerca condotta dal dott. Jiankui subito dopo l’annuncio delle nascite delle due bambine gemelle (a novembre del 2018 Xu Nanping vice ministro del ministero della Scienza e Tecnologia della Cina aveva dichiarato alla TV nazionale CCTV che il suo ministero era completamente in disaccordo con la ricerca portata avanti dal team del dott. Jiankui culminata con la nascita di due bambine modificate geneticamente).

    ll vice ministro aveva inoltre aggiunto che l’azione del team di ricercatori era inaccettabile e illegale e che il suo ministero avrebbe avviato un’indagine senza aggiungere ulteriori dettagli su eventuali azioni intraprese. Sono trascorsi poco più di 12 mesi e la notizia delle sanzioni applicate al ricercatore per aver condotto degli esperimenti così controversi dal punto di vista etico non sorprende particolarmente.

    La conferma della nascita di un terzo bambino geneticamente modificato

    La cosa che sorprende ancora di più è la conferma da parte dell’agenzia di stampa cinese che è nato un terzo bambino geneticamente modificato.

    Nel novembre 2018 il dott. Jiankui annunciò al mondo per la prima volta l'esistenza dei gemelli geneticamente modificati e non perse tempo per accennare al fatto che un'altra donna stava portando avanti una gravidanza con un ulteriore embrione modificato.

     

    A gennaio 2019, il bioeticista William Hurlbut rilasciò una dichiarazione all'agenzia di stampa AFP (Agence France-Presse) dicendo che aveva parlato a lungo con Jiankui del terzo bambino geneticamente modificato. In base alle conversazioni avute con il dott. Jiankui il dott. Hurlbut dichiarò che la donna in questione era probabilmente tra la 12 esima e la 14 esima settimana di gravidanza e avrebbe pertanto partorito tra giugno e luglio 2019.

     

    Il tempo è trascorso senza ricevere alcuna notizia riguardante la nascita del terzo bambino geneticamente modificato tuttavia, la Cina ha tranquillamente confermato la sua nascita. L’agenzia di stampa Xinhua ha annunciato che il dott. Jiankui è stato condannato per i suoi esperimenti controversi "in cui sono nati tre bambini geneticamente modificati".

     

    Secondo il verdetto del tribunale, i tre ricercatori, non abilitati per lavorare come medici hanno consapevolmente violato le normative e i principi etici della CIna per praticare l'editing genetico nella medicina riproduttiva assistita.

    Il rapporto non include ulteriori informazioni sul bambino. Non sappiamo il suo sesso, il suo stato di salute, se con la nascita ci sono state complicazioni o se il bambino è ancora vivo.

     

    L’unica cosa che sappiamo è che questo bambino è nato, ciò significa che ad un certo punto l'anno scorso non c'erano due, ma tre esseri umani modificati geneticamente che camminavano o per meglio dire gattonavano sulla Terra.

    Riferimenti

    Three jailed in China's "gene-edited babies" trial (la notizia della nascita del terzo bambino geneticamente modificato e dell'arresto del ricercatore Jiankui riportata dall'agenzia di stampa del governo cinese Xinhua).

     



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente