Parkinson, impiantate in un paziente cellule staminali riprogrammate


    Per la prima volta neurochirurghi giapponesi hanno impiantato delle cellule staminali 'riprogrammate' nel cervello di un paziente affetto dal morbo di Parkinson.

    La condizione è solo la seconda per la quale una terapia è stata sperimentata utilizzando delle cellule staminali pluripotenti indotte (iPS), che sono sviluppate riprogrammando le cellule dei tessuti del corpo (come la pelle) in modo che ritornino a uno stato simile a quello embrionale, da questo stato possono trasformarsi in altri tipi di cellule.

    Gli scienziati dell'Università di Kyoto hanno utilizzato la tecnica per trasformare le cellule iPS in precursori dei neuroni che producono il neurotrasmettitore della dopamina. Una carenza di neuroni che producono la dopamina nelle persone affette dal morbo di Parkinson può portare a tremori e difficoltà a camminare.

    A ottobre, il neurochirurgo Takayuki Kikuchi presso l'ospedale universitario di Kyoto ha impiantato 2,4 milioni di cellule precursori della dopamina nel cervello di un paziente cinquantenne. Durante l'intervento, della durata di tre ore, il team di Kikuchi ha depositato le cellule staminali in 12 aree del cervello note per essere i centri di attività della dopamina. Le cellule precursori della dopamina hanno dimostrato di migliorare i sintomi del morbo di Parkinson nelle scimmie.

    Una colonia di cellule staminali embrionali umane. Credits: WikipediaImmagine - Una colonia di cellule staminali embrionali umane. Le cellule sullo sfondo sono cellule del fibroblasto del topo. Solo la colonia al centro sono cellule staminali embrionali umane. Public domain. Credits: Wikipedia.

    Cellule precursori della dopamina derivate da uno stock di cellule iPS

    Lo scienziato Jun Takahashi e i suoi colleghi dell'Università di Kyoto hanno prodotto le cellule precursori della dopamina da uno stock di cellule iPS immagazzinate presso l'Università. Queste cellule sono state sviluppate riprogrammando le cellule della pelle prese da un donatore anonimo.

    «Il paziente sta reagendo bene e finora non ci sono state grandi reazioni avverse», scrive Takahashi. Il team osserverà il paziente per sei mesi e, se non sorgeranno complicazioni, impianterà altre 2,4 milioni di cellule precursori della dopamina nel suo cervello.

    Entro la fine del 2020 il team di ricercatori prevede di trattare altri sei pazienti affetti dal morbo di Parkinson per testare la sicurezza e l'efficacia della tecnica.

    «Se questo test clinico dovesse andare bene, potremmo avere prove sufficienti per il trattamento da somministrare ai pazienti già nel 2023, il tutto regolamentato dal sistema di approvazione rapido per i farmaci rigenerativi del Giappone. Certo che dipende da quanto saranno buoni i risultati» scrive Takahashi.

    Nel 2014, l'oculista Masayo Takahashi (moglie di Takahashi) ha creato delle cellule retiniche partendo da cellule iPS che erano state utilizzate per trattare una malattia oculare.



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!