Dendrimeri nanocompositi per la medicina


    La ricerca di nuove molecole trova nella medicina una disciplina pronta ad applicarla e sfruttarla con i massimi risultati possibili.

    Negli ultimi anni la ricerca nel campo della nanotecnologia ha saputo differenziarsi e trovare nuove aree d’investigazione.

    Quello applicato alla ricerca medica di nuovi farmaci o veicolanti per loro, sembra quello che promette applicazioni più realistiche ed immediate.
    E’ recente lo studio su una classe particolare di molecole: i dendrimeri.

    Cosa è il dendrimero

    Il termine dendrimero si riferisce alla particolare struttura tridimensionale della molecola nello spazio.

    I dendrimeri sono macromolecole simmetriche monodisperse costruite attorno ad una molecola più piccola oppure un nucleo polimerico.

    Sono strutture ramificate simmetriche (Immagine - 1).

    [inline: 1=Immagine - 1 - Esempio di dendrimero e sua struttura sferica] Immagine - 1 - Esempio di dendrimero e sua struttura sferica.

    Generalmente, i materiali compositi sono miscele di due o più componenti che presentano proprietà particolari rispetto a quelle dei singoli componenti presi individualmente.

    Trovano impiego nell’ingegneria delle plastiche, industria automobilistica, edilizia.

    I nanocomposti possono essere definiti come materiali aventi almeno un componente con dimensioni dell’ordine del manometro (< 100nm).
    In questo modo, le loro proprietà sono fortemente influenzate dalle interazioni superficiali.

    Sono applicati come catalizzatori e, nel campo dei materiali, possono essere utilizzati in sistemi compositi per conferire particolari proprietà.

    Come è evidenziato nell’articolo pubblicato su Chemistry Today, maggio 2002, i nanocomposti dendrimerici (DNC), hanno un gran potenziale in campo biomedico in funzione della possibilità di controllare la loro dimensione, composizione, forma e funzionalità superficiale.

    Sono utilizzati come veicolanti per farmaci, trasportatori d’intermedi bioattivi (Immagine - 2) e come carrier di traccianti radioattivi per indagini mediche in vivo all’interno dell’organismo (vedi farmaci PET e relativo articolo).

    [inline: 2=Immagine - 2 - Particolari azioni ed applicazioni dei DNC] Immagine - 2 - Particolari azioni ed applicazioni dei DNC.

    Sempre nel campo dell’indagine clinica per la cura di tumori, si sta lavorando per ottimizzare l’azione di dendrimeri con particolari gruppi chimici posti sulla superficie, in grado di raggiungere in modo selettivo le cellule tumorali localizzate in qualsiasi parte del corpo.

    Nell’articolo sopra citato, si fa riferimento a due sistemi dendrimerici di natura polimerica complessati con ioni metallici, in grado di dimostrare anche un’azione antimicrobica.

    Lo spunto per utilizzare questi tipi di molecole risiede nel fatto che possono essere sintetizzati in varie predeterminate forme e dimensioni.

    La loro attività biochimica può essere conferita tramite reazioni chimiche che modificano la superficie del materiale.

    L’indagine della loro attività in vivo o in vitro è facile attraverso i marcatori radiochimici o sistemi di microscopia elettronica ed ottica.

    Conclusioni

    Nel particolare dell’articolo citato, si è osservato che i sistemi in indagine dimostrano una facile penetrabilità attraverso gli strati lipidici ed una selettività verso il sito tumorale dove si accumulano all’interno del nucleo.

    L’attività tumorale è paragonabile a quell’ottenuta con i sistemi classici, con il vantaggio che la struttura del dendrimero "protegge" l’agente attivo del DNC da elementi disattivanti come la luce.

    Una grande quantità di materiale sulla nanotecnologia, è disponibile consultando i siti segnalati in articoli precedenti che trattano questo argomento.

    Ugualmente, consultando il Web, è facile trovare notizie ed approfondimenti da parte anche dei gruppi di ricerca, circa i dendrimeri e le loro applicazioni.

    Sitografia

    Dendrimer - from Wikipedia, the free Encyclopedia http://en.wikipedia.org/wiki/Dendrimer

    Bibliografia

    L. Balogh et al., "Dendrimer nanocomposites in medicine", Chemistry Today, May 2002;

    D. A. Tomaia, P. Dvornic, "Polymeric Materials Encyclopedia" J. C. Salamone Ed., CRC Press, 1996, Vol. 3;

    L. Balogh et al., J. of Nanoparticles Res., 1, 3, 353, (1999);

    L. Balogh et al., J. of Nanoparticles Res.;

    C. J. Hawker, J. M. J. Frechet, J. Am. Chem. Soc., 112, 7638, (1990).



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!