Base, la bacheca virtuale di Google


    Google Base la nostra voce sul Web.

    "Se avete qualcosa da condividere senza avere un audience di riferimento, Google Base è il posto per voi".

    Questo è quanto dichiarano i responsabili della gigantesca multinazionale californiana fondata da Brin e Page.

    Google Base si presenta come la nuova bacheca telematica dove chiunque può immettere notizie, annunci, informazioni o altro.

    Volete ad esempio mostrare la vostre foto, far conoscere le vostre poesie, pubblicare il vostro romanzo giallo o mettere in vendita il vostro motorino?

    Su Google Base da adesso è possibile, in maniera semplice e gratuita.

    Tutto ciò che dovete fare è immettere la vostra inserzione accompagnata da alcune parole chiave e da una breve descrizione per facilitare gli utenti nella ricerca.

    Google Base provvederà ad indicizzare le vostre informazioni secondo dei criteri di rilevanza e a pubblicarle su Base, Search, Froogle e Local (altri servizi di Google).

    Attivo da circa dieci giorni, Base è al momento totalmente gratuito e privo di qualsiasi annuncio pubblicitario, tuttavia per adesso è disponibile solo in lingua inglese e tedesca.

    Un nuovo servizio di comunicazione quindi, che mira a creare un database mondiale dove ognuno di noi può avere il proprio spazio, ma soprattutto che mira a quel mercato di annunci on-line che solo negli Stati Uniti vale 100 miliardi di dollari.

    Questo potrebbe significare tempi duri per e-bay e soprattutto per tutti quei giornali sia on-line che cartacei che sopravvivono grazie ad annunci di compravendita.

    Per il resto non è ancora detta l'ultima parola.

    Google Base infatti, nei suoi pochi giorni di attività, ha già dimostrato molti limiti a causa dei suoi procedimenti lenti e poco funzionali e soprattutto a causa dell'enorme gaffe dovuta all'inattivazione del filtro SafeSearch che ha riversato nella bacheca 14000 immagini porno in pochi minuti.

    Il problema è stato risolto in poche ore ma rimane il fatto che in quanto a capacità di ricerca e a prestazioni, Base non è "il massimo" e i principali blogger di internet non risparmiano i loro commenti: "Google Base Launched. Yuck" ha intitolato TechCrunch "Lanciato Google Base. Una porcheria."

    02/12/2005

    Sitografia

    Techcrunch www.techcrunch.com

    Google Base http://base.google.com



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!