Studio pilota sui livelli di contaminanti perfluorurati in latte materno e prodotti alimentari dal centro-Italia


    Tra i due PFC considerati, il PFOS è stato trovato in 13 dei 49 campioni di latte materno mentre il PFOA è stato rilevato in un solo campione. Questi dati mostrano che il consumo di latte materno non porterebbe i neonati allattati al seno a superare i livelli di assunzione di PFC ritenuti sicuri per la salute. Anche nei prodotti alimentari si è osservata una prevalenza di composti simile a quella del latte materno, con il solo PFOS riscontrato. I prodotti ittici sono risultati la categoria alimentare più contaminata (media di 7,65±34,2 ng/g); le concentrazioni medie di carne e di latte e latticini sono risultate simili tra loro, mentre in tutti gli alimenti a base di cereali, nelle uova, nelle verdure, nel miele e nelle bevande, anche i livelli di PFOS sono risultati non rilevabili dalle analisi.



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!