Formazione del concetto a partire dalla dialettica talamo-corticale e dal ruolo delle pulsioni primarie tramite midollo spinale


    Alla base di tutto c’è il nucleo neuroscientifico della Coscienza che a partire da molti neuroscienziati ad esempio llinas (1) è identificabile colla dialettica TALAMO-CORTICALE.

    Certo la Coscienza è un concetto che all’interno di tale meccanismo appare assai limitato se si vuole dare a quest’ultimo la centralità a livello cognitivo. A mio avviso, per comprendere il suo specifico bisogna andare al di là della dialettica sopra citata.

    Questo quesito me lo sono posto già da tempo, pensando alla Coscienza a molti livelli, qui mi preme mettere in evidenza è il Sistema specifico e non specifico, oltre al ruolo della neocorteccia compresa la dinamica della "Formazione reticolare"(2) e del sistema visivo e poi c’è il ruolo essenziale per la formazione degli "Oggetti mentali" assunto dal MIDOLLO SPINALE (con l’input dei neurotrasmettitori "epidermici"), è il cammino di quest’ultimo a partire dalla Base materiale quello che determina l’allineamento degli OGGETTI MENTALI.

    Invece dal lato del Sistema specifico (contenuto) con le fibre ottiche che fanno tappa prima sul Talamo e poi sulla Corteccia, portano alla formazione del PERCETTO.

    E’ già quest’ultimo un OGGETTO MENTALE, l’assemblea di Neuroni in termini neuroscientifici, si esprime matematicamente con un GRAFO e il Percetto è un OM il cui Grafo interagisce con il mondo esterno.

    L’immagine è un oggetto di memoria e al contrario del Percetto, non richiede un’interazione diretta con l’ambiente, l’accoppiamento di Neuroni, in questo caso, è stabile nel tempo e preesistente (concetto elaborato da Changeux).

    Quello che più mi ha interessato in questo caso, è il Sistema non specifico (contesto) vedi schema(3).

    Questo passaggio dal Percetto all’Immagine è possibile solo all’interno della STABILIZZAZIONE (ST all’interno dello schema), e per giungere a questa situazione indipendente dal mondo esterno, e questo momento selettivo deve avvenire immancabilmente una diminuzione di Neuroni nelle aree primarie.

    Il CONCETTO (indicato nello schema come concettualità simbolica, ma sarebbe più giusto chiamarla concettualità segnica, a tal proposito vedere su www.lswn.it (Neuroscienze) il passaggio dal simbolo al segno), è un’immagine che possiede -O- di componente sensoriale.

    Il concatenamento degli OM non avviene in modo spontaneo come è propenso a a credere Russel(4)non avviene in modo spontaneo ed autonomo e le Proprietà associative avvengono in un modo SPECIFICO ed UNICO.

    Le Pulsioni primarie sollecitate anche epidermicamente attraverso il contatto del corpo all’interno della "Struttura dialettica del reale" ricevono l’INPUT fondamentale che attraverso il MIDOLLO SPINALE prima, e successivamente attraverso il modello Razionalizzante del Meccanismo psichico della SUBLIMAZIONE, che agisce come ulteriore allineamento logico attraverso la Sfrondatura ulteriore degli OM, qui raggiungiamo il terreno sui cui cresce con passaggi complessi ulteriori il SEGNO MATEMATICO.

    Bibliorafia

    (1) Denis Pare e Rodolfo llinas Conscious and pre-conscious Processes As Seen From the Standpoint of sleep-Waking cycle Neurphysiology in Neuropsychologia, vol.33,n.9, 1995, pp.1155-1168. C’è una sintesi del problema su "Mente & Cervello" n.1, anno 1, gennaio-febbraio 2003 "Le scienze" (fieg) a firma di Gerhard Roth e altri, "Sincronia nella rete dei neuroni" 10-19.

    (2) Francis Krick, the astonishing hypothesis: the scientific search for the soul,New York, Charles Scribner’s Sons, 1994.

    (3) Vedi schema mio su www.lswn.it.

    (4) Russell,B.(1918), the philosophy of logical atomism, tr.it.in Logica e conoscenza, milano, Longanesi, 1961.



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!