Le basi epigenetiche della Malattia di Alzheimer - Conclusioni e Bibliografia - page 3


    Conclusioni:

    Benché questi risultati siano per il momento limitati ad un modello cosiddetto “preclinico”, cioè un modello sperimentale animale, sono abbastanza incoraggianti da ipotizzare l’esecuzione di un trial clinico con la SAM nei pazienti con malattia di Alzheimer.

    Il fatto che la SAM sia una molecola endogena e che sia già utilizzata come farmaco (e quindi non sono necessarie le fasi preliminari per determinarne sicurezza, tossicità e dosaggio) è un vantaggio.

    D'altro canto l’esecuzione di un trial di questo tipo è molto onerosa in termini di costi in quanto i markers biochimici usati nell'Alzheimer non sono così precisi e gli strumenti di diagnosi di elezione restano ancora quelli dell'analisi neurologica dello stato cognitivo affiancato sempre di più dall'indagine per immagini (TAC e PET).

    Pertanto, per determinare se la SAM sia veramente efficace nei pazienti, occorre prevedere uno studio della durata di almeno 2-3 anni su un cospicuo numero di soggetti.

    Bibliografia

    • Chiang, P.K., Gordon, R.K., Tal, J., Zeng, G.C., Doctor, B.P., Pardhasara- dhi, K, McCann, P.P. S-adenosylmethionine and methylation. FASEB J. 1996, 10:471-480.
    • Diaz-Arrastia R. Hyperhomocysteinemia: a new risk factor for Alzheimer disease? Arch Neurol. 1998, 55(11):1407-1408.
    • Ferri C.P., Prince M., Brayne C., Brodaty H., Fratiglioni L., Ganguli M., Hall K., Hasegawa K., Hendrie H., Huang Y., Jorm A., Mathers C., Menezes P.R., Rimmer E., Scazufca M. Alzheimer’s Disease International. Global preva- lence of dementia: A Delphi consensus study. Lancet 2005, 366:2112-2117.
    • Fuso A., Nicolia V., Cavallaro R.A., Ricceri L., D'Anselmi F., Coluccia P., Calamandrei G., Scarpa S. B-vitamin deprivation induces hyperhomocysteinemia and brain S-adenosylhomocysteine, depletes brain S-adenosylmethionine, and enhances PS1 and BACE expression and amyloid-beta deposition in mice. Mol Cell Neurosci. 2008, 37(4):731-746
    • Fuso A., Nicolia V., Pasqualato A., Fiorenza M.T., Cavallaro R.A., Scarpa S. Changes  in Presenilin 1 gene methylation pattern in diet-induced B vitamin deficiency. Neurobiol Aging. 2011, 32(2):187-199.
    • Fuso A., Nicolia V., Ricceri L., Cavallaro R.A., Isopi E., Mangia F., Fiorenza M.T., Scarpa S. S-adenosylmethionine reduces the progress of the Alzheimer-like features induced by B-vitamin deficiency in mice. Neurobiol Aging. 2012, In press.
    • Iqbal, K., Grundke-Iqbal, I. Alzheimer neurofibrillary degeneration: significance, etiopathogenesis, therapeutics and prevention. J. Cell. Mol. Med. 2008,12:38–55.
    • Razin, A. and Cedar, H. Microbiol. Rev. 1991, 55:451-458.
    • Selhub J., Bagley L.C., Miller J., Rosenberg I.H. B vitamins, homocysteine, and neurocognitive function in the elderly. Am J Clin Nutr. 2000, 71(2):614S-620S.

    Sommario:

    Le basi epigenetiche della Malattia di Alzheimer - Introduzione - page 1 --> | Ipotesi di lavoro e modello sperimentale - page 2 -->



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!