Le viti sotto la lente


    Il vino ha avuto grande rinomanza fin dall'antichità ed il suo frutto alle origini era considerato il cibo degli dei.

    Per questo la vite è sempre stata oggetto di grandi considerazioni e particolari cure da parte dei coltivatori. In Italia si è sempre prodotta molta uva da pasto e soprattutto da vino.

    La vitienologia italica comincia per certo con gli etruschi e si sviluppa in seguito con i greci italici ed i romani.

    Le varietà sono le più svariate e prelibate che si diversificano a seconda delle tradizioni e dei luoghi di coltivazione.

    Oggi, però, i vini del centro-nord d'Italia sono in pericolo.

    [inline: 1=Immagine - 1 - Esemplare di vite d'uva]
    Immagine - 1 - Esemplare di vite d'uva

    Ingiallimento delle foglie, appassimento e caduta anticipata.

    Sono questi alcuni sintomi della flavescenza dorata (fd).

    Una grave patologia della vite che si va diffondendo dal Triveneto al Piemonte, fino ai confini settentrionali dell'Emilia.

    I danni sono ingenti: nei vigneti colpiti le perdite di produzione variano dal 50% al 100% e le piante muoiono nell'arco di due tre anni dopo l'infezione.

    La causa di tutto ciò?

    Un particolare tipo di batterio, o fitoplasma, importato dalla Francia ormai più di vent'anni fa e per il quale oggi, grazie al Cnr e ad altre istituzioni nazionali, è stato messo a punto un protocollo di diagnosi moderno, accolto dal Ministero delle politiche agricole e forestali.

    [inline: 2=Immagine - 2 - Vite colpita da flavescenza]
    Immagine - 2 - Vite colpita da flavescenza

    "Le analisi che portiamo avanti", spiega Maurizio Conti, direttore dell'Istituto di virologia vegetale (Ivv) del Cnr di Torino, "sono epidemiologiche e molecolari, basate cioè sul rilevamento della presenza del Dna del batterio nei tessuti della pianta.
    Le tecniche di laboratorio amplificano prima il Dna fitoplasmico, che in una seconda fase viene identificato e classificato".

    E grazie a queste diagnosi gli studiosi dell'Ivv-Cnr sono stati in grado di identificare per la prima volta la presenza del batterio nel Piemonte sud-orientale e nella Liguria orientale.

    "In Liguria", prosegue Conti, "la chiamavano la 'moria delle vite', ma non sapevano a cosa fosse dovuta e nel Piemonte sud-orientale abbiamo rilevato tre fitoplasmi nelle viti malate, accertando che quello responsabile dell'epidemia era proprio quello della fd propriamente detta".

    [inline: 3=Immagine - 3 - Altra vite colpita da flavescenza dorata]
    Immagine - 3 - Altra vite colpita da flavescenza dorata

    In Europa la flavescenza dorata è considerata una malattia devastante ed è oggetto di quarantena.

    Da questo, purtroppo, deriva che la sua presenza condiziona tutta l'economia di un determinato paese: non è possibile esportare materiale da propagazione e da impianto della vite ed altri prodotti del settore.

    E non è possibile produrre vino o vendere il frutto.

    Una situazione preoccupante se si pensa che le piante infette non sono 'curabili', dato che non esistono principi chimici che abbiano effetti terapeutici.

    L'unico mezzo di contenimento è l'applicazione del Decreto di lotta obbligatoria emanato dal Ministero (DM.31.05.2000 G.U.. 159 del 10.07.2000) che prevede sostanzialmente trattamenti insetticidi contro l'insetto vettore, lo Scaphoideus Titanus, e la distruzione delle piante infette o l'eradicazione totale dei vigneti colpiti.

    Per il prossimo futuro, però, il Cnr si propone di studiare i meccanismi molecolari di trasmissione del fitoplasma dall'insetto vettore alla pianta e di mettere a punto mezzi per la diagnosi sierologica, più economica e rapida.

    Sitografia

    CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche www.cnr.it

    NCBI - PubMed.gov - "A novel Bacteroidetes symbiont is localized in Scaphoideus titanus, the insect vector of Flavescence dorée in Vitis vinifera." www.ncbi.nlm.nih.gov/sites/entrez?cmd=Retrieve&db=pubmed&dopt=Abstract&list_uids=16461701

    Archivio Istituzionale della Ricerca - "A novel bacteroidetes symbiont is localized in Scaphoideus titanus, the insect vector of flavescence doree in Vitis vinifera" http://air.unimi.it/handle/2434/31224



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!