Ossitocina, vasopressina e autismo: nuovi target e strategie terapeutiche - Introduzione


    Contributo al volume dei Rapporti dell’ Istituto Superiore di Sanità relativo al convegno “Autism from reaserch to policy” tenutosi a Roma, 11-12 Ottobre 2010. Autori: Marta Busnelli1), Daniela Braida 2), Mariaelvina Sala2),1), Silvia Ripamonti 3), Marco Parenti3), Bice Chini 1)

    1) CNR, Istituto di Neuroscienze, Milano, Italy 2) Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia Medica, Università degli Studi di Milano, Italy 3) Dipartimento di Medicina Sperimentale, Università di Milano-Bicocca, Monza, Italy

    Corresponding author: B.Chini, CNR, Istituto di Neuroscienze, via Vanvitelli 32, 20143, Milano, Italy;

    1. Introduzione

    Negli ultimi anni è emerso il ruolo fondamentale dei due neuropeptidi ipofisari, ossitocina (OT) e vasopressina (AVP) nel regolare vari aspetti del comportamento sociale, suggerendo un loro possibile impiego in condizioni neuropsichiatriche caratterizzate da anomalie delle relazioni sociali quali i disturbi dello spettro autistico.

    In questa monografia, esamineremo brevemente i primi, limitati ma incoraggianti, studi clinici condotti sull’uomo, passeremo quindi in rassegna i modelli animali impiegati per valutare e mettere a punto nuovi protocolli terapeutici basati su questi peptidi, e infine discuteremo il ruolo di modelli in vivo ed in vitro per comprendere il ruolo di questi peptidi nel neurosviluppo.

    2. Ossitocina, vasopressina e autismo: nuovi target e strategie terapeutiche - Studi sull'uomo

    leggi ->

    3. Ossitocina, vasopressina e autismo: studi sull’animale

    leggi ->



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!