Mantenere i cittadini in contatto con le decisioni locali


    L'enorme diminuzione del numero di elettori avvenuto nel continente europeo suggerisce che i cittadini comuni sono sempre più tagliati fuori da quelli che sono i processi politici. Può un migliore sistema webcasting, testato dalle autorità locali in quattro Paesi, essere in grado di risolvere questo "deficit democratico" e contribuire ad unire le comunità? Martine Ruzza è certamente convinto di sé. Uno dei membri del progetto ePartecipate facente parte del programma eTen che facilita gli e-service tra i cittadini dell'Unione Europea, mette in evidenza gli elogi che ha riscosso il sistema dai partecipanti a giugno 2006 al congresso "ICT for an inclusive society", tenutosi a Riga, in Lettonia. Evento in cui è stato coniato il nuovo termine di e-democracy. "I portali a senso unico di internet non saranno più buoni per molto tempo" afferma Ruzza "la gente gradisce una comunicazione reciproca con la sua autorità, così che possa consultare documenti, dare giudizi e così via. Il nostro sistema soddisfa tutti questi requisiti".



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!