PARO: robot dalle sembianze di cucciolo di foca artica - Scheda


    PARO è un robot dalle sembianze di un cucciolo di foca artica progettato nei laboratori dell’AIST - ADVANCED INDUSTRIAL SCIENCE AND TECHNOLOGY (Tsukuba) da T. Shibata. Il corpo del robot è ricoperto da un pelo candido e soffice, sotto il quale si nasconde una complessa rete di sensori e attuatori che permettono al robot di percepire e reagire agli stimoli ambientali, e avere comportamento autonomo, cioè non indotto da cause esterne. La foca robot reagisce agli stimoli esterni con modalità varie, per esempio voltando la testa in direzione di una fonte sonora.

    Il robot Paro ha le sembianze di una foca articaFig.1 Il robot Paro ha le sembianze di una foca artica.

    PARO inoltre manifesta un proprio ritmo fisiologico: si comporta seguendo il ritmo giorno-notte con alcuni desideri spontanei quali sonno e stanchezza. Se viene accarezzato gentilmente, mostra apprezzamento muovendo il corpo e la testa in modo coordinato, sbattendo le palpebre, emettendo suoni e facendo le fusa. Il robot è stato introdotto in Italia nel 2004 da Patrizia Marti, Università di Siena, e sperimentato in contesti terapeutici e riabilitativi con pazienti affetti da Alzheimer, con bambini e adolescenti con diversi disturbi della sfera cognitiva e motoria come ad esempio la Sindrome di Down.

    Alcuni ragazzi interagiscono con il robot ParoFig.2 Alcuni ragazzi interagiscono con il robot Paro

    PARO stimola l'interazione sociale favorendo lo scambio sociale, la comunicazione, lo scambio empatico.

    Per informazioni:

    http://www.discom.unisi.it/ida/projects/closed/paro



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!