Banane e yoga contro l'ipertensione


    [16/09/2001] Scoperto che il potassio combatte l'ipertensione arteriosa

    "Cynar … contro il logorio della vita moderna", chi non ricorda il famosissimo spot pubblicitario con protagonista Ernesto Calindri che serenamente seduto ad un tavolino di bar, proprio al centro di una carreggiata stradale, sorseggia il suo liquore a base di carciofo, non curandosi di quanto accade intorno a lui.

    Purtroppo il caro Ernesto Calindri oggi va in pensione e non solo per l'età. Prende posto la banana. Proprio così, la banana, perché già da tempo è stato scoperto che il potassio combatte l'ipertensione arteriosa, la depressione e probabilmente anche il colesterolo. Come dire: "una banana al giorno leva il medico di torno", altro che carciofo.

    E' quanto emerge da una ricerca condotta nel 1984 dall'allora Primario dell'ospedale Cardarelli di Napoli, Prof. Donato Lauria. Nella corposa pubblicazione si legge che lo sviluppo economico ed il progresso tecnologico delle società altamente industrializzate meritano delle riflessioni sui modelli di vita e di lavoro ai quali l'uomo moderno è abituato, mirate principalmente, una volta accertata la potenzialità dannosa dello stress, alla prevenzione.

    I ritmi di vita, l'esaltato spirito di competizione, sono modelli comportamentali che vengono imposti dal sistema produttivo e sui quali è difficile agire, perché coinvolgono uno schema generale di vita che è diventato lo scheletro della cultura occidentale.

    Al di là di queste considerazioni, la migliore definizione di stress è ancora quella fornita da Hans Selye(1936): "una reazione aspecifica dell'organismo a qualsiasi stimolo interno o esterno che evochi meccanismi di adattamento miranti a ristabilire l'equilibrio tra individuo ed ambiente". Le manifestazioni organiche di questo processo vengono definite "sindrome generale di adattamento".

    Le società altamente industrializzate hanno potenzialità stressanti superiori a quelle delle società primitive, perché impongono elevati livelli di competitività e di responsabilizzazione personale, e nel contempo creano frustrazione ed impotenza per l'impossibilità frequente di identificare un proprio ruolo.

    L'essere impreparati, per un tipo diverso di condizionamento culturale, all'impatto con questo tipo di realtà, è già di per sé stressante ed in condizione di evocare effetti dannosi.

    Le vere epidemie di ipertensione possono essere conseguenza di questi meccanismi.

    Rabbia, paura, dolore, scatenano la pressione sistolica, attivando l'asse ipotalamo-ipofisi-surrene e sistema nervoso simpatico.

    La possibilità che un supplemento di potassio alla dieta possa provocare un abbassamento della pressione è considerata da molti anni. Sugli effetti ipotensivi del potassio, non mancano, d'altra parte, evidenze sperimentali su molti ceppi di topi.

    Una dieta ricca di sodio, anche se i fattori ambientali e genetici sono altrettanto rilevanti, ha portato nei ratti ad una ipertensione di cui il potassio è riuscito a ridurne l'elevazione attraverso un meccanismo diuretico e natriuretico e mediante soppressione dell'attività reninica plasmatica.

    E' chiaro che l'obesità e l'aumento di peso ponderale influiscono molto sia sul colesterolo che sull'ipertensione.

    Quando l'intervento del medico si rende non strettamente necessario, una dieta a base di banane ed a basso regime calorico può immediatamente bilanciare il metabolismo ed i valori pressori.

    Anche lo yoga è stato con successo impiegato nella terapia dell'ipertensione, malgrado che i grandi maestri indiani ritengano che le pratiche non finalizzate al controllo della mente ed alla ricerca della salvezza ultima non posseggano reale efficacia; al vantaggio di una capacità di controllo mentale di attività involontarie, veramente eccezionale e talora sorprendente, assomma lo svantaggio della difficoltà di apprendimento e della lunghezza delle sedute applicative.

    Altri sistemi utilizzati con successo, ma non ancora completamente studiati, sul malato iperteso sono l'ipnosi, l'autoipnosi, il training autogeno, i cicli sentici.

    Sitografia

    Lega Italiana Lotta Ipertensione Arteriosa www.ipertensione-lega.it/

    SIIA - Società Italiana dell'Ipertensione Arteriosa http://194.185.70.17/default.asp

    The American Institute of Stress - Hans Selye www.stress.org/hans.htm

    The Journal of Neuropsychiatry & Clinical Neuroscience "A Syndrome Produced by Diverse Nocuous Agents" - Hans Selye, 1936 http://neuro.psychiatryonline.org/cgi/content/full/10/2/230a



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!