L'allattamento al seno? Semplicemente fondamentale.


    Allattare al seno è estremamente importante sia per il bambino, perché così può disporre del miglior alimento possibile durante i primi mesi di vita, sia per la mamma che ha modo di instaurare un rapporto unico ed esclusivo con il proprio figlio.

    L'allattamento al seno è il modo migliore per promuovere uno stretto rapporto fra mamma e neonato, è garanzia infatti, di un intenso legame madre figlio. Dopo il parto, con l'espulsione della placenta, si ha un'impennata nei livelli di prolattina, l'ormone responsabile della lattazione: se la mamma è fortemente motivata ad allattare entro pochi giorni può iniziare l'allattamento; la paura, lo stress, la stanchezza e i dispiaceri possono ostacolare il fisiologico innalzamento dei livelli di quest'ormone con assenza di latte.

    Una volta iniziato l'allattamento gli stimoli visivi e tattili che precedono la poppata determinano il rilascio di prolattina dal lobo anteriore dell'ipofisi e di ossitocina dal lobo posteriore: attraverso il circolo ematico la prolattina giunge alla ghiandola mammaria dove induce l'aumento della secrezione di latte all'interno degli alveoli, mentre l'ossitocina determina la contrazione delle cellule degli alveoli e dei dotti escretori con eiezione di latte.

    [inline: 1= Immagine - 1 - Schema riassuntivo dei meccanismi coinvolti nell'eiezione di latte] Immagine - 1 - Schema riassuntivo dei meccanismi coinvolti nell'eiezione di latte

    Il latte secreto dal primo al quarto giorno prende il nome di colostro, è particolarmente ricco in Beta-carotene, ha infatti un colorito giallognolo, in vitamine liposolubili, in sali minerali e immunoglobuline. Gli anticorpi raggiungono il lume intestinale del neonato e lo proteggono dalle infezioni enteriche, in caso di allattamento artificiale si priva il bambino di questa naturale immunità passiva.

    Dopo il quindicesimo giorno si parla di latte maturo, ricco pi๠di qualunque altro tipo di latte di acido linoleico. Studi osservazionali hanno evidenziato come i bambini allattati al seno, dimostrino rispetto ai bambini nutriti artificialmente, un miglior sviluppo neurocognitivo durante il primo anno di vita, molto probabilmente perché il latte materno è ricco di acidi grassi poliinsaturi a lunga catena i cosiddetti LC-PUFA.

    I precursori degli LC-PUFA sono l'acido α-linolenico (ALA) da cui derivano l'acido eicosapentaenoico (EPA), l'acido docoesanoico (DHA) e l'acido linoleico (LA). Nessuna formulazione di latte artificiale può presentare un'uguale ricchezza in contenuto di LC-PUFA.

    L'allattamento al seno è raccomandato sempre: è sconsigliato in caso di agalattia, ovvero di inadeguata secrezione, di malformazioni del seno, di capezzolo retroverso, in caso di patologie infettive materne, ad esempio tubercolosi non curata oppure di radio o che mio terapia o se la mamma è alcolizzata o tossicodipendente.

    L'allattamento naturale è sconsigliato anche in caso di malattie infettive del neonato, se però il bambino soffre di grave iperbilirubinemia l'allattamento viene interrotto per un certo periodo e poi ripreso; l'allattamento è poi sconsigliato in caso di gravi malattie fetali come la fenilchetonuria o la galattosemia.

    Il solo latte materno è in grado di garantire un corretto sviluppo fino al VI mese: i bambini allattati al seno fino al VI mese non hanno bisogno di alcun altro alimento neppure dell'acqua, a meno che non vi siano temperature ambientali molto elevate o in caso di febbre alta e diarrea; solo in questi casi il bambino ha bisogno anche d'acqua per evitare che possa disidratarsi, altrimenti tutto ciò di cui ha bisogno è presente nel latte materno.

    L'unica vitamina effettivamente carente nel latte materno è la vitamina K, importante nel prevenire fenomeni di tipo emorragico: per questo tutti i neonati allattati al seno dovrebbero assumere alcune gocce di vitamina K una volta a settimana durante i primi quattro mesi di vita.

    Il latte materno, inoltre, è un po' carente di vitamina D, perciò alcuni pediatri consigliano, a partire dal II mese di vita, l'integrazione di questa vitamina.

    È anche vero però, che per esposizione ai raggi del sole si innesca un meccanismo atto a produrre vitamina D senza alcun apporto dietetico: l'esposizione al sole di un neonato, tuttavia, è a forte rischio eritema solare.

    Alcuni pediatri consigliano anche un supplemento di fluoro: tale integrazione non è necessaria fino ai 6 mesi e dai 6 mesi fino ai 3 anni non è indispensabile poiché il fluoro è comunque presente nell'acqua, in numerosi alimenti e nelle paste dentifrice.

    Bibliografia

    American Academy of pediatrics. Breastfeeding and the use of human milk. Pediatrics 2005;

    American Academy of pediatrics. Work group on breastfeeding. Breastfeeding and the use of human milk. Pediatrics. 1997 100:1035-1039.

    Sitografia

    MAMI - Movimento allattamento materno italiano www.mami.org

    La Leche League International www.lalecheleague.org



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!