Antartide, scoperti resti fossili uccello marino grande come aeroplano


    Un gruppo di ricercatori ha scoperto i frammenti dello scheletro di un uccello preistorico gigante, secondo le stime poteva avere le dimensioni di un piccolo aereo. L’animale si alzava in volo sull’antico territorio dell’Antartide e si nutriva di pesci e calamari.

    Lo scheletro di un esemplare simile all'enorme uccello scoperto in Antartide. Lo scheletro della foto è esposto presso il Museo Nazionale di storia naturale di Washington, D.C. Credit: By Pelagornis: Ryan Somma derivative work: Haplochromis (Pelagornis.jpg) CC BY-SA 2.0, via Wikimedia CommonsImmagine 1 - Lo scheletro di un esemplare simile all'enorme uccello scoperto in Antartide. Lo scheletro della foto è esposto presso il Museo Nazionale di storia naturale di Washington, D.C. Credit: By Pelagornis: Ryan Somma derivative work: Haplochromis (Pelagornis.jpg) [CC BY-SA 2.0 via Wikimedia Commons.

    I ricercatori hanno rinvenuto un frammento lungo 8,5 centimetri dell’omero dell'uccello (osso dell’ala) sull'isola di Seymour in Antartide occidentale.

    Un frammento da record

    Nonostante le dimensioni ridotte del frammento i ricercatori hanno subito compreso che il ritrovamento fosse da record; il fossile appartiene all'uccello antartico più antico dai cosiddetti "pseudo denti" o denti che sono un tutt’uno con la mascella.

    I risultati della datazione indicano che l’omero dell'uccello risale al periodo dell'Eocene inferiore, tra 53 e 49 milioni di anni fa, scrive il dott. Marcos Antonio Cenizo autore principale dello studio e direttore del Museo Provinciale di storia naturale a La Pampa, Argentina.

    L'uccello appartiene ad un gruppo di uccelli marini noto come pelagornitidi (Pelagornithidae), parenti del Galloanseres, un gruppo che comprende ad esempio oche e anatre. Il fossile da record dimostra che gli esemplari del gruppo dei pelagornitidi sono vissuti per circa 60 milioni di anni. Tuttavia questi uccelli si estinsero tra i 2 milioni e i 3 milioni di anni fa, non è chiaro per quale motivo.

     

    Il ricercatore Marcos Cenizo tiene in mano due piccoli di pinguino durante gli scavi che hanno portato al rinvenimento dei fossili dei pelagornitidi. Credit: Courtesy of Marcos CenizoImmagine 2 - Il ricercatore Marcos Cenizo tiene in mano due piccoli di pinguino durante gli scavi che hanno portato al rinvenimento dei fossili dei pelagornitidi. Credit: Courtesy of Marcos Cenizo

    I pelagornitidi

    I pelagornitidi erano enormi uccelli con un'apertura alare che poteva superare i 6 metri. Grazie a ossa leggere e una struttura anatomica particolare questi uccelli erano in grado di volare in mare aperto per molti chilometri, in modo molto simile a quello che fa l'albatro oggi.

    Il più grande esemplare conosciuto dei pelagornitidi è il Pelagornis sandersi, scoperto nel 1983 a Charleston, Carolina del sud, durante la costruzione del nuovo terminal dell'aeroporto internazionale di Charleston. Il Pelagornis sandersi aveva un'apertura alare compresa 6,1 e 7,3 metri e aveva un peso tra i 22 e i 40 chilogrammi.

     

    I ricercatori hanno analizzato i resti del più giovane esemplare trovato in Antartide datandoli tra i 41 e i 39 milioni di anni fa. Sono stati rinvenuti i resti fossili di un cranio, l’osso di una zampa inferiore e un omero che potrebbe essere più grande dell’esemplare rinvenuto nella Carolina del sud, questo significa che tale ritrovamento potrebbe «rappresentare uno dei più grandi uccelli conosciuti con pseudo-denti» scrivono i ricercatori nello studio.

    Mappa della localizzazione della formazione La Meseta e della nuova formazione Submeseta nell'isola di Seymour, penisola antartica, Antartide occidentale.Immagine 3 - Mappa della localizzazione della formazione La Meseta e della nuova formazione Submeseta nell'isola di Seymour, penisola antartica, Antartide occidentale.
    Sono indicate altre unità stratigrafiche: CVF = Cross Valley Formation; LBF = López de Bertodano Formation; SF = Sobral Formation; WF = Weddel
    Formation; SD = depositi superficiali. Credits: Cenizo et al

    Probabilmente i due esemplari sono vissuti in Antartide nello stesso periodo tra i 50 e i 40 milioni di anni fa, scrive Cenizo.

    Lo studio è stato pubblicato online sulla rivista Journal of Paleontology.



    Newsletter

    Resta informato con le nostre notizie periodicamente

    Cliccando sul pulsante iscriviti acconsenti al trattamento dei tuoi dati. La tua email non verrà MAI ceduta a nessuno!